left-in
top
Via Piccard,16/G - 42124 Reggio E. - tel: 0522.511.880 fax: 0522.512.462 - e-mail   info@ordinefarmacisti.re.it   e-mail PEC  ordinefarmacistire@pec.fofi.it
spazio
HOME PAGE separator ISCRITTI separator CORSI ECM separator FARMACIE IN PROVINCIA separator TURNI separator
Accedi all'area riservata:
User:   Password:  
Ordine dei Farmacisti CHI SIAMO Consiglio direttivo Codice Deontologico Regolamenti Ordine Bilanci Ordine Carta dei Servizi DOVE SIAMO PIANTA ORGANICA CERCO LAVORO NEWSLETTER ENPAF Modifiche Regolamentari Modalità operative per riduzione contribuzione Attività Professionale LINK UTILI Come valutare la qualità dell'informazione sul Web CARTA DEL FARMACO 10 Regole da ricordare Chiedi un consiglio Firma la carta NEWS CONTATTI Servizi on-line DOCUMENTAZIONE E FILES Circolari AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE Regolamenti Contabilità Università Documentazione e corsi Ecm Lavoro/Previdenza Modulistica/Downloads Legislazione Bandi di concorso CORSI ECM Fad FARMACIE IN PROVINCIA Ferie I servizi offerti dalle farmacie TURNI Regolamento e funzionalità turni PEC Modifica Password PEC Fofi Accesso casella PEC Fofi Ricorda Password GALLERIA FOTOGRAFICA MAPPA DEL SITO  
ENPAF

Contributo Previdenziale

IL CONTRIBUTO PREVIDENZIALE ENPAF

I contributi previdenziali sono dovuti da tutti gli iscritti agli albi degli Ordini provinciali dei farmacisti, essi vengono riscossi tramite bollettini bancari, l'ENPAF, di norma, ricorre alla cartella esattoriale, localmente notificata dai concessionari territorialmente competenti, nel caso in cui l'iscritto nell'anno precedente abbia omesso in tutto o in parte di versare la contribuzione dovuta utilizzando i bollettini bancari trasmessi, ovvero abbia posto in essere una evasione contributiva non denunciando nei termini la modifica della propria condizione giuridica che gli ha fatto perdere il diritto alla riduzione contributiva. Nelle ipotesi indicate la cartella esattoriale reca anche la sanzione civile che viene applicata sul contributo omesso.

Il contributo previdenziale e assistenziale obbligatorio non è frazionabile e deve essere versato per intero quale che sia la data di iscrizione ovvero cancellazione. Per determinare l'anzianità di iscrizione utile ai fini della maturazione della pensione di vecchiaia overo di anzianità per l'anno di prima iscrizione viene comunque calcolato per intero anche se è risultato pari o inferiore a sei mesi

Il contributo previdenziale ENPAF è stabilito in cifra fissa, tuttavia ove l'iscritto appartenga ad alcune categorie ha la possibilità di chiedere la riduzione del contributo in particolare:

  • riduzione nella misura del 33,33%, del 50% ovvero dell'85% agli iscritti che esercitino attività professionale in relazione alla quale siano soggetti per legge all'assicurazione obbligatoria ovvero ad altra forma di previdenza obbligatoria;
  • riduzione nella misura del 33,33%, del 50% ovvero dell'85% agli iscritti che si trovino in condizione di disoccupazione involontaria con inserimento nelle liste anagrafiche dei competenti Centri per l'impiego. La riduzione massima dell'85% può essere conservata per non più di cinque anni contributivi complessivi, una volta superato questo periodo il soggetto che permanga in stato di disoccupazione ha diritto alla riduzione massima del 50% in quanto equiparato all'iscritto che non esercita attività professionale;
  • riduzione nella misura massima del 33,33%, del 50% ovvero dell'85% per gli iscritti che siano titolari di pensione diretta (vecchiaia, anzianità, invalidità) erogata dall'ENPAF e nel contempo non esercitino attività professionale;
  • riduzione nella misura del 33,33% ovvero del 50% per gli iscritti che siano titolari esclusivamente di pensione erogata da Ente di previdenza diverso dall'ENPAF e non esercitino attività professionale ( tale disposizione ha avuto effetto a decorrere dal 2005 per l'anno 2004 temporaneamente trova ancora applicazione l'ipotesi precedente).

Chi sceglie di versare il contributo previdenziale in misura ridotta otterrà una prestazione pensionistica proporzionalmente ridotta. L'ENPAF, infatti, è un ente di previdenza a prestazione definita (salvi gli adeguamenti periodici in proporzione all'indice ISTAT) e a contribuzione variabile (il cui importo viene fissato anno per anno), l'ammontare della prestazione finale è commisurato alla contribuzione intera, la scelta di versare contributi ridotti comporta quindi una correlativa diminuzione dell'ammontare finale maturato.

Coloro che si iscrivano a partire dal 1° gennaio 2004 hanno facoltà di chiedere di versare il contributo di solidarietà in luogo della contribuzione previdenziale seppure nella forma ridotta prevista; oltre al contributo di solidarietà l'iscritto dovrà versare anche quello per la gestione assistenza e per l'indennità di maternità.

Il contributo di solidarietà non è utile all'iscritto per maturare il diritto alla pensione di vecchiaia, di anzianità ovvero di invalidità, conseguentemente non è utile neanche ai fini della pensione ai superstiti.

Il contributo di solidarietà non è oggetto di restituzione ai sensi dell'articolo 24 del regolamento ENPAF è non può essere reintegrato a quota intera in base all'articolo 22 del regolamento. Il contributo non può essere trasferito ad altro Ente nell'ambito delle procedure di ricongiunzione nè è utile ai fini della totalizzazione.

Nel periodo in cui il soggetto versa il contributo di solidarietà matura, tuttavia, l'anzianità di iscrizione.

 

Web by Solutions
right-in  
  corner   corner  
   
Ordine dei Farmacisti di Reggio Emilia - Cod. Fiscale 80010030353 - Via Piccard 16/G - 42124 Reggio E.-tel: 0522.511.880 fax: 0522.512.462