• Via Piccard 16/G, 42124 Reggio E.
  • TEL 0522.511880
  • info@ordinefarmacisti.re.it
  • ordinefarmacistire@pec.fofi.it
Ordine dei Farmacisti della provincia di Reggio Emilia

Finalità

La Regione Emilia-Romagna, in attuazione dell'art. 21, c. 2, L.R. n. 2/2016, così come sostituito dall'art. 33 L.R. n. 25/2016, intende sostenere le farmacie rurali disagiate mediante contributi.

I contributi sono finalizzati a garantire la capillarità dell'assistenza farmaceutica e sono pertanto destinati alle farmacie rurali aventi basso fatturato, al fine di agevolarne la permanenza al servizio di zone disagiate, caratterizzate da scarsa redditività.

I criteri e le modalità per sostenere le farmacie rurali della regione Emilia-Romagna sono individuati con delibera di Giunta regionale n. 494 del 01 aprile 2019.

Chi può presentare domanda

Possono accedere al contributo le farmacie rurali che nel corso dell’anno 2018 hanno registrato un volume d’affari ai fini IVA inferiore o uguale a euro 325.000,00.

Il volume d’affari ai fini IVA è quello riportato nel rigo VE50 della dichiarazione IVA 2019 per l’anno d’imposta 2018, presentata all’Agenzia delle Entrate.

Non possono accedere alla concessione del contributo:

  • coloro che hanno acquisito la titolarità della farmacia nell'anno 2019;
  • i titolari di farmacia assegnata con la procedura di concorso straordinario e aperta nel corso dell’anno 2018.

 

 

Modalità di presentazione della domanda

La domanda deve essere presentata all’Azienda USL di riferimento entro lunedì 1 luglio 2019.

La    domanda    deve    essere    redatta    utilizzando    il    relativo    modulo   scaricabile    dal    sito

http://salute.regione.emilia-romagna.it/farmaci/farmacie-rurali oppure

clicca qui per scaricare il modulo per co-titolari per Farmacia assegnata con la procedura di concorso straordinario e aperta prima dell'anno 2018

clicca qui per scaricare il modulo per titolari individuali società titolari e farmacie pubbliche

Per le farmacie pubbliche il richiedente e quindi il sottoscrittore del modulo di domanda è il Sindaco pro tempore del Comune titolare (non il soggetto gestore dell’esercizio farmaceutico).

Per le società titolari di farmacia il richiedente e quindi il sottoscrittore del modulo di domanda è sottoscritto il legale rappresentante della società.

Per le farmacie assegnate con la procedura di concorso straordinario a farmacisti partecipanti in associazione e aperte prima dell’anno 2018, il modulo di domanda deve essere sottoscritto da tutti i

 co-titolari.

Il modulo di domanda compilato in tutte le sue parti e completo dei relativi allegati, in formato PDF, deve essere trasmesso esclusivamente per via telematica mediante posta elettronica certificata (PEC) all'indirizzo PEC dell'Azienda USL di riferimento di seguito indicato:

Azienda USL

indirizzo PEC

Azienda USL di Piacenza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Azienda USL di Parma

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Azienda USL di Reggio Emilia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Azienda USL di Modena

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Azienda USL di Bologna

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Azienda USL di Imola

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Azienda USL di Ferrara

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Azienda USL della Romagna

(per gli ambiti di Cesena, Forlì, Ravenna, Rimini)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Alla domanda devono essere obbligatoriamente allegati:

  • copia di un documento di identità o riconoscimento valido del/i sottoscrittore/i (non necessaria nel caso in cui il/i sottoscrittore/i della domanda disponga/no di firma digitale certificata);
  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio inerente i contributi “de minimis” redatta utilizzando l’opportuno modello allegato (sono allegati due modelli, uno da utilizzare da parte dei farmacisti co-titolari di farmacia assegnata con il concorso ordinario e l’altro da utilizzare in tutti i restanti casi).                                                                                                                                      clicca qui per scaricare la dichiarazione inerente i contributi "de minimis" per farmacisti cotitolari di farmacia assegnata con il concorso straordinario                                                                clicca qui per scaricare la dichiaraizone inerente i contributi "de minimis" per farmacisti titolari, società di titolari, farmacie pubbliche . La dichiarazione sostitutiva di atto notorio inerente i contributi “de minimis” deve essere obbligatoriamente compilata e allegata alla domanda anche in caso di assenza di contributi.

Le domande spedite oltre il termine indicato o trasmesse con modalità diverse da quella indicata   o prive degli allegati sopra indicati sono dichiarate irricevibili.

Assolvimento dell'imposta di bollo

La domanda dovrà essere in regola con le norme sull'imposta di bollo. I soggetti esenti dovranno indicare nella domanda i riferimenti normativi che giustificano l'esenzione.

Assegnazione del contributo

Il responsabile del Servizio regionale competente, sulla base delle istruttorie compiute dalle Aziende USL, procede alla formale ammissione delle domande e approva la graduatoria regionale per l’assegnazione dei contributi, redatta in ordine crescente di volume d’affari complessivo ai fini IVA.

In caso di identico volume d’affari ai fini IVA, precede in graduatoria la farmacia ubicata nel comune con popolazione meno numerosa al 01/01/2018 (valore Istat).

Il contributo è concesso seguendo l’ordine dei titolari di farmacia in graduatoria, fino all’esaurimento delle risorse stanziate a bilancio, pari a euro 400.000,00.

Se, in base alle domande pervenute, la somma dei contributi concedibili secondo la tabella sottostante è inferiore al totale delle risorse disponibili nell’esercizio finanziario di riferimento, le risorse residue sono distribuite in favore delle farmacie rurali con volume d’affari dichiarato ai fini IVA fino a euro 250.000,00, secondo un criterio di proporzionalità rispetto al contributo spettante ai sensi della medesima tabella.

Nel caso in cui il titolare della farmacia rurale gestisca anche succursali o dispensari farmaceutici, i volumi d’affari ai fini IVA di questi ultimi concorrono alla formazione del volume d’affari complessivo per la determinazione del contributo.

Per le farmacie che hanno iniziato l’attività nel corso del 2018 e possono presentare domanda, il volume d’affari complessivo da considerare ai fini della determinazione del contributo è calcolato come proiezione a 365 giorni del volume d’affari registrato nel periodo di apertura effettiva.

Sono distinte 4 fasce di fatturato delle farmacie rurali, cui corrispondono contributi che aumentano al diminuire del volume d’affari come indicato nella seguente tabella:

VOLUME D'AFFARI DELLA FARMACIA

CONTRIBUTO

fino a € 200.000,00

€ 12.500,00

da € 200.000,01 fino a € 250.000,00

€ 10.000,00

da € 250.000,01 fino a € 300.000,00

€ 7.500,00

da € 300.000,01 fino a € 325.000,00

€ 5.000,00

Per le farmacie che hanno iniziato l’attività nel corso del 2018 e possono presentare domanda, l’importo del contributo è determinato rapportando gli importi di cui alla tabella che precede ai giorni di attività effettivamente svolta nell’anno di riferimento.

 

Erogazione del contributo

Il contributo concesso ai titolari delle farmacie rurali viene successivamente  erogato  dalle  Aziende USL competenti per territorio.

É possibile ottenere la liquidazione del contributo a condizione che la titolarità della farmacia sia mantenuta sino al momento dell’adozione del provvedimento di concessione.

Controlli

In qualsiasi momento, precedente o successivo all'assegnazione del contributo, emerga la non veridicità di quanto dichiarato dal titolare, rilevata a seguito dei controlli previsti per legge o comunque accertata, il medesimo titolare decade dai benefici conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera e, nel caso in cui il contributo sia già stato erogato, l’Azienda USL procede al recupero di quanto erogato.

Pubblicazione dei dati ai sensi del D.LGS. n. 33/2013

Gli elementi distintivi dei beneficiari sono soggetti alla pubblicazione prevista dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33, in coerenza agli indirizzi interpretativi ed adempimenti contenuti nella deliberazione della Giunta regionale n. 122/2019.

Informazioni

Responsabile del procedimento è Maria Giulia Negri. Eventuali informazioni inerenti la presentazione della domanda possono essere reperite presso il Servizio Farmaceutico dell'Azienda USL di riferimento.

 

© Ordine dei Farmacisti della provincia di Reggio Emilia 2008-2019 - Powered by SpoonDesign & Studiofarma